Pubblicato il

Salute, nel 2020 oltre 700mila nuovi casi di cancro legati al consumo di alcol

Salute, nel 2020 oltre 700mila nuovi casi di cancro legati al consumo di alcol

CIVITAVECCHIA – Recentemente l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato che “ non può essere stabilita nessuna quantità di consumo di alcol che sia sicura per la salute e per lo sviluppo di neoplasie “. Si ritiene che nel ...

Condividi

CIVITAVECCHIA – Recentemente l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato che “ non può essere stabilita nessuna quantità di consumo di alcol che sia sicura per la salute e per lo sviluppo di neoplasie “.

Si ritiene che nel 2020 , a livello mondiale, oltre 700.000 mila nuovi casi di cancro siano da attribuirsi al consumo di alcol ( 4.1% del totale ). Ai fini di valutare gli effetti della riduzione o della cessazione del consumo di alcol sul rischio di tumore alcol correlato, l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro ha affidato nel 2023 ad un gruppo di 15 scienziati di otto paesi il compito di rivedere gli studi pubblicati sull’argomento .

I risultati di questo studio, recentemente pubblicati sul New England Journal of Medicine , hanno confermato che esiste, secondo gli autori, una sufficiente evidenza, ovvero una stabilita correlazione , tra la cessazione del consumo di alcol e la diminuzione del rischio di tumore della cavità orale come anche del rischio di tumore dell’esofago.

Una limitata evidenza, ovvero una plausibile correlazione causale tra cessazione del consumo di alcol e riduzione del rischio, esiste per i tumori della laringe del colon –retto e della mammella.

Nessuna conclusione si può trarre, sulla base dei dati attualmente a disposizione, sulla correlazione tra cessazione del consumo di alcol e rischio di tumori del faringe e del fegato.

Uno dei principali meccanismi alla base dell’effetto tumorigeno dell’alcol è legato alla sua rapida trasformazione in acetaldeide nella cavità orale ed alla sua persistenza nell’organismo in rapporto alla quantità ingerita.

Se al consumo di alcol si associa il fumo, la concentrazione di acetaldeide nella saliva e, quindi, i suoi effetti, nella saliva aumentano di ben 7 volte .

Oltre alla formazione di acetaldeide, potente sostanza genotossica capace di danneggiare il DNA provocando mutazioni, l’alcol determina alterazioni della composizione del microbiota intestinale che possono provocare un’ infiammazione sistemica capace di aumentare il rischio di tumore .

La buona notizia è che tutti questi processi sono completamente reversibili con la cessazione del consumo di alcol.

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS