Pubblicato il

«Gli imprenditori balneari della zona adesso possono tirare un sospiro di sollievo»

«Gli imprenditori balneari della zona adesso possono tirare un sospiro di sollievo»

Il sindaco Tidei torna sulla scelta di approvare in consiglio comunale la delibera sul Pua

Condividi

SANTA MARINELLA – Il sindaco Tidei torna sulla scelta fatta dalla maggioranza di approvare in consiglio comunale la delibera sul Pua che secondo i consiglieri di governo pone un limite all’occupazione dei tratti di spiaggia liberi.

“Abbiamo tutelato un tratto di litorale molto amato dai cittadini a dai turisti – dice il sindaco Tidei – gli imprenditori balneari della zona, adesso, possono tirare un sospiro di sollievo. Si tratta di un intervento che ho seguito con grande attenzione e per cui non posso che essere soddisfatto. Siamo riusciti a mettere in salvo spiagge e stabilimenti. L’opera non termina qui. Come da programma, sono previsti ulteriori interventi su altri tratti lungo tutto il litorale che, come sappiamo, è soggetto ad erosione, per mareggiate e vento forte. Un lavoro che ha l’obiettivo di salvaguardare la nostra costa e il fondale e per rendere sempre più fruibili le spiagge e gli specchi d’acqua”. Sono infatti conclusi i lavori di messa in sicurezza e ripristino delle scogliere che proteggono dall’erosione le spiagge di Lungomare Marconi a Capo Linaro. Finanziato dalla Regione Lazio, l’intervento ha avuto come obiettivo quello di rendere nuovamente efficaci le barriere frangiflutto realizzate ormai più di trent’anni fa. Il tratto di costa interessato è quello compreso tra lo stabilimento Capolinaro e lo stabilimento La Gatta a mare. Scopo dell’intervento è stato quindi quello di effettuare il rifiorimento delle scogliere. A causa dell’erosione che, colpisce il litorale soprattutto di inverno ma anche d’estate, l’efficienza delle scogliere si è infatti notevolmente ridotta e in alcuni casi la funzionalità è stata compromessa. Le scogliere nel tempo si sono deformate e con questo intervento di manutenzione straordinaria, le barriere frangiflutto sono state rinnovate e risagomate per consentire la difesa della costa”. “Un’opera attesa da oltre 40 anni dagli operatori balneari e dai tanti turisti e cittadini che ogni estate popolano il lungomare a Capo Linaro – conclude Tidei – sono lavori che hanno un valore per il contributo che offrono alla tutela dell’ambiente in un ambito particolarmente delicato del territorio come la costa, proprio per questo, assumono importanza anche per i risvolti economici legati al turismo. È obiettivo dell’amministrazione intraprendere tutte quelle opere ed interventi a tutela del nostro patrimonio costiero e fare in modo che gli amanti delle spiagge e del mare possano usufruirne nel modo migliore”. Contestualmente all’ intervento sulle scogliere, è stato eseguito il ripascimento e la messa in sicurezza del tratto di costa attraverso il prelievo di giacimenti di sabbia sottomarini così da ripristinare l’assetto morfologico delle spiagge e consentire alle piccole imbarcazioni l’accesso ai moli presenti.

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS