Pubblicato il

Allumiere fiore all’occhiello della regione

Allumiere fiore all’occhiello della regione

Grande soddisfazione per la delegata alla Cultura Francesca Scarin per l'anno amministrativo che si è concluso

Condividi

ALLUMIERE – Grande soddisfazione per la delegata alla Cultura Francesca Scarin per l’anno amministrativo che si è concluso qualche giorno fa. La Scarin è innamorata del suo paese e sta dando il massimo per dar lustro ad Allumiere e alla sua gente. “Con la creazione del primo “Parco ArcheoGeoMinerario” del Lazio si è dato il via ad una serie di successi culturali ad Allumiere che la posizionano come “tappa” immancabile della Regione, comprese le attività culturali-didattiche dell’archeologa Francesca Regina che hanno entusiasmato tantissimo i più piccoli – spiega la delegata alla Cultura, Francesca Scarin – la programmazione estiva ha reso Allumiere protagonista indiscussa del litorale laziale che personalmente mi ha permesso di essere orgogliosa del mio paese, ma a far da scuola sono stati gli eventi del “Resident Evil Garden” di Halloween e della “Scuola di Hogwarts” al Palazzo Camerale che hanno attirato letteralmente flotte di persone per assistere alle due giornate che, grazie alla loro originalità, ora sono emulati nei paesi limitrofi”. La delegata alla Cultura, Francesca Scarin sottolinea poi che ci sono stati altri aspetti positivi: “Buona la prima anche per l’evento “Emozioni di fine anno” che, per essere una prima edizione, nonostante il maltempo ha visto un’ottima partecipazione e la possibilità di ulteriore guadagno per le attività commerciali, cosa che purtroppo spesso passa in “sordina” per alcuni. Come comunità siamo entrati anche nell’ottica televisiva grazie all’interessamento che RAI e la7 hanno avuto per il nostro territorio e la nostra storia e dei più grandi sistemi culturali come il Re.Mi e RomaTre. Abbiamo ospitato nella nostra Aula Nobile l’Accademia dell’Arcadia ed una sublime mostra dell’artista tedesca Heidrun Thate che, con ironia, ha ridicolizzato il feroce dittatore Hitler e che è stata oggetto di visita anche per le scuole”. La delegata Francesca Scarin si dice soddisfatta anche perché: “Siamo entrati nel pieno dei percorsi trekking che abbiamo affrontato insieme a molte associazioni ed enti nell’arco di tutto l’anno e che hanno permesso al nostro paese di farci conoscere a livello naturalistico ed enogastronomico”. Per quanto riguarda la Cultura la Scarin spiega: “È impossibile elencare con poche righe come la cultura ad Allumiere si sia mossa nell’arco del 2023, ma grazie al volontariato ed alle tante associazioni posso dire che è un continuo “moto” culturale a 360 gradi”. Per quanto riguarda il 2024 la delegata Scarin annuncia: “Quest’anno arriveranno ulteriori soddisfazioni sul piano “storico” grazie a delle ristrutturazioni importanti che avverranno nei luoghi storici di Allumiere: ho lavorato molto affinché questo avvenisse ma, utilizzando un gergo moderno, non faccio “spoiler”, preferisco che la nostra comunità venga scoperta giorno per giorno e che rimanga accesa perennemente la scintilla della curiosità che spinge anche i visitatori a vivere il nostro borgo. Il ringraziamento personale va ai miei “colleghi” con i quali ho collaborato indistintamente nell’arco dell’anno. Ringrazio tutti i volontari che da sempre rappresentano l’eccellenza del nostro paese”. La delegata alla Cultura, Francesca Scarin conclude poi: “Ci saranno molte novità e nuovi percorsi da affrontare ma sono fiduciosa. Continuate a seguire i canali istituzionali per tutte le novità e soprattutto seguite l’hashtag #culturalumierasca per rimanere aggiornati sugli eventi culturali di Allumiere o visionare quelli passati”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS