Pubblicato il

Tarquinia, riaperto il ponte sulla Litoranea

Tarquinia, riaperto il ponte sulla Litoranea

TARQUINIA - I lavori di consolidamento sono stati completati e il collaudo è stato superato. Riaperto al traffico il ponte sulla Litoranea tra Tarquinia e Montalto di Castro. Torna quindi percorribile il tratto di provinciale chiuso ormai dal ...

Condividi

TARQUINIA – I lavori di consolidamento sono stati completati e il collaudo è stato superato. Riaperto al traffico il ponte sulla Litoranea tra Tarquinia e Montalto di Castro. Torna quindi percorribile il tratto di provinciale chiuso ormai dal novembre 2022.

“Si conclude così uno degli interventi più importanti, urgenti e complessi tra quelli messi in cantiere dall’amministrazione provinciale di Viterbo. – il commento dalla Provincia – Ora il ponte sulla strada provinciale litoranea tra Tarquinia e Montalto di Castro potrà tornare ad essere percorso dagli utenti della strada in totale sicurezza e comfort di guida”. Non mancano tuttavia le polemiche per un passaggio definito dai più troppo stretto.

La vicenda è iniziata a fine 2022 quando, a seguito di verifiche tecniche, è emerso come il ponte fosse pericolante. Per garantire la sicurezza degli utenti della strada, l’amministrazione provinciale ha subito chiuso la struttura, attivandosi contestualmente per dare inizio il prima possibile ai lavori di consolidamento. Quattordici mesi circa durissimi per residenti e soprattutto le attività della zona sia agricole sia di recettività turistica – oltre che di difficoltà per cittadini in generale, costretti tornando da nord o al pagamento del pedaggio o al transito nella scomoda e meno sicura strada del Pidocchio. Una protesta spesso dilagata sui social.

“Inevitabili i disagi per i cittadini della costa della Tuscia, – ammette la Provincia – così come comprensibili sono state le loro lamentele. Ma allo stesso tempo va anche considerato che la pubblica amministrazione prevede passaggi burocratici da seguire per legge che inevitabilmente fanno sì che le tempistiche siano più lunghe di quanto si desideri. Senza quei passaggi burocratici, però, il ponte sulla Litoranea sarebbe ancora pericolante”.

“La prima difficoltà è stata reperire le risorse per procedere all’avvio dei lavori. – spiegano da Palazzo Gentili – Da quando le province sono state depotenziate, con la legge Delrio del 2014, spesso questi enti non hanno infatti sufficienti risorse finanziarie e di personale per assolvere a tutte le incombenze. Ecco perché l’amministrazione provinciale di Viterbo si è attivata con competenza e determinazione riuscendo ad ottenere fondi e finanziamenti per realizzare l’intervento, costato complessivamente circa 430mila euro. I lavori, complessi da realizzare, sono iniziati a maggio 2023. Una volta ultimati, il ponte sulla litoranea ha superato le prove di carico realizzate con i camion e ha ottenuto il via libera dal genio civile riguardo la relazione a strutture ultimate. A inizio gennaio, infine, la Provincia di Viterbo ha potuto presentare il collaudo e procedere con la riapertura della struttura”.

“Ancora una volta la Provincia di Viterbo ha dato dimostrazione di sapersi attivare prontamente per il bene del territorio e dei suoi cittadini – il commento del presidente Alessandro Romoli -. Anche noi amministratori vorremmo poter procedere alla realizzazione dei lavori attraverso procedure semplificate, ma purtroppo dobbiamo seguire i tempi della burocrazia che spesso sono più lunghi del previsto. Quello che conta è che ora il ponte sulla litoranea è sicuro. Un grande ringraziamento va dunque al settore strade dell’ente, all’ingegnere Umbro Pasquini e al consigliere delegato ai Lavori pubblici Maurizio Palozzi per aver curato tutto il progetto, dal reperimento dei fondi alla realizzazione dell’intervento”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS