Pubblicato il

Ucraina, Von der Leyen “Kiev può prevalere, ma va sostenuta ancora”

Ucraina, Von der Leyen “Kiev può prevalere, ma va sostenuta ancora”

DAVOS (SVIZZERA) (ITALPRESS) – “Come in tutte le democrazie, la nostra libertà comporta dei rischi. Ci sarà sempre chi cercherà di sfruttare la nostra apertura, sia dall’interno che dall’esterno. Ci ...

Condividi

DAVOS (SVIZZERA) (ITALPRESS) – “Come in tutte le democrazie, la nostra libertà comporta dei rischi. Ci sarà sempre chi cercherà di sfruttare la nostra apertura, sia dall’interno che dall’esterno. Ci saranno sempre tentativi di portarci fuori strada, ad esempio con la disinformazione. E da nessuna parte se ne è parlato tanto quanto sulla questione dell’Ucraina. Permettetemi quindi di fornire alcune informazioni reali. La Russia non riesce a raggiungere gli obiettivi strategici. E’ innanzitutto un fallimento militare”. Lo ha detto la presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, alla 54^ edizione del World Economic Forum a Davos.
“Quando la Russia invase l’Ucraina, molti temevano che Kiev sarebbe caduta in pochi giorni e il resto del paese nel giro di poche settimane. Ciò non è accaduto – ha aggiunto -. Invece, la Russia ha perso circa la metà delle sue capacità militari. L’Ucraina ha cacciato la Russia dalla metà dei territori che aveva conquistato. L’Ucraina ha respinto la flotta russa del Mar Nero e ha riaperto un corridoio marittimo per fornire grano al mondo. E l’Ucraina ha mantenuto la sua libertà e indipendenza”.
“Il fallimento della Russia è anche economico. Le sanzioni hanno disaccoppiato la sua economia dalla tecnologia moderna e dall’innovazione. Ora dipende dalla Cina. E, infine, il fallimento della Russia è anche diplomatico. La Finlandia ha aderito alla NATO. La Svezia seguirà presto. E l’Ucraina è più vicina che mai all’Unione Europea – ha sottolineato Von der Leyen -. Tutto ciò ci dice che l’Ucraina può prevalere in questa guerra. Ma dobbiamo continuare a rafforzare la loro resistenza. Gli ucraini hanno bisogno di finanziamenti prevedibili per tutto il 2024 e oltre. Hanno bisogno di una fornitura di armi sufficiente e prolungata per difendere l’Ucraina e riconquistare il suo legittimo territorio. Hanno bisogno di capacità per scoraggiare futuri attacchi da parte della Russia. E hanno bisogno anche di speranza. Hanno bisogno di sapere che, con la loro lotta, guadagneranno un futuro migliore per i loro figli. E il futuro migliore dell’Ucraina si chiama Europa. E’ con immensa gioia che il mese scorso abbiamo deciso di avviare i negoziati per l’adesione dell’Ucraina all’UE. Questo sarà il risultato storico dell’Ucraina. E sarà l’Europa a rispondere al richiamo della storia”.

– Foto: Agenzia Fotogramma –

(ITALPRESS).


Condividi

ULTIME NEWS