Pubblicato il

Viterbo: detenuti danno fuoco a materassi e coperte, due agenti in ospedale

Viterbo: detenuti danno fuoco a materassi e coperte, due agenti in ospedale

Il fatto è accaduto ieri sera. Massimo Costantino, segretario della Fns Cisl Lazio: «Va compensata la carenza di organico»

Condividi

Ancora tensioni a Mammagialla. Ieri sera, intorno alle 21, alcuni detenuti hanno dato fuoco a materassi e coperte, pare per futili motivi, all’interno di una intera sezione del carcere di Viterbo. A renderlo noto è Massimo Costantino, segretario generale della Fns Cisl Lazio. Subito sono intervenuti gli agenti della polizia penitenziaria ed «è stata ripristinata la sicurezza della sezione» racconta Costantino ma due agenti sono rimasti intossicati dal fumo. Trasportati al pronto soccorso sono stati giudicati guaribili in 7 e 11 giorni.

«Le gravi e non più sostenibili criticità del sistema penitenziario continuano ad evidenziarsi quotidianamente – prosegue il segretario Costantino – Carenza di personale della polizia penitenziaria, aggressioni giornaliere, tutte anomalie datate che non vengono ancora prese in debita considerazione dalla politica e dai Governi. Occorre intervenire con determinazione e subito con nuove assunzioni per la Polizia Penitenziaria, nei vari ruoli».

Stando ai dati del ministero della giustizia aggiornati al 31 dicembre 2023, il carcere di Mammagialla risulta essere sovraffollato del 161%: sono previsti infatti 535 detenuti ma ce ne sono 651, ossia 116 in più.

«Occorre compensare la forte carenza di organico – dice Costantino – nel Lazio son circa 500 mentre a Viterbo circa 80 unità ed è pertanto, necessario intervenire sull’organizzazione del servizio all’interno degli istituti e mettere mano alle norme relative all’ordinamento penitenziario e al codice penale. E’ opportuno e necessario provvedere alla carenza degli organici, creare spazi a disposizione del personale e ausili tecnologici per migliorare il servizio».

Per la Fns Cisl Lazio occorre garantire e tutelare il personale tutto e a tal riguardo intensificherà gli interventi, con frequenti visite sui luoghi di lavoro in ogni sede, affinché, si possano migliorare le condizioni lavorative e applicare in toto le norme contrattuali nei confronti del personale del corpo di polizia penitenziaria, dei direttori e dei funzionari del Corpo.


Condividi

ULTIME NEWS