Pubblicato il

«Quell’incrocio è pericoloso» – L’INTERVENTO

«Quell’incrocio è pericoloso» – L’INTERVENTO

CERVETERI - Preoccupa l’apertura di una nuova attività commerciale, in questo caso la sesta farmacia comunale, nei pressi della Cantina sociale su via Fontana Morella, all’incrocio con la statale Aurelia. Un tratto stradale che negli anni, ...

Condividi

CERVETERI – Preoccupa l’apertura di una nuova attività commerciale, in questo caso la sesta farmacia comunale, nei pressi della Cantina sociale su via Fontana Morella, all’incrocio con la statale Aurelia. Un tratto stradale che negli anni, soprattutto con l’apertura delle ultime attività commerciali, ha visto il traffico congestionato con lunghe attese al semaforo, svariati ingorghi causati anche dalle auto in entrata e uscita dai negozi della zona. E poi c’è la questione relativa alla fermata del Cotral, l’assenza di una illuminazione adeguata e di barriere a protezione dei pendolari in attesa dei mezzi.

“Aurelia, da anni chiediamo interventi per la messa in sicurezza”

A tornare sulla situazione, che rischia, con l’arrivo della stagione estiva e dunque dei villeggianti, di peggiorare, è l’esponente del comitato di zona Cerenova Campo di Mare, Enzo Musardo. «Già cinque anni fa mandammo una petizione popolare, con centinaia di firme, chiedendo la messa in sicurezza di quell’incrocio». Da lì anche un sopralluogo congiunto Anas e Comune durante il quale emerssero delle criticità da risolvere. E anche se ora, a distanza di cinque anni, all’incrocio, sono finalmente spuntate le strisce pedonali, i pericoli non mancano. «C’è la fermata dell’autobus a ridosso, senza alcun tipo di protezione o illuminazione. Molte volte i genitori sono costretti ad accompagnare al mattino i figli alla fermata in attesa del bus per non farli stare in strada». Un problema di sicurezza anche per «i pendolari che la sera tornano da Roma». E proprio su quel tratto, il sindaco Gubetti aveva annunciato l’invio ad Anas, da parte del Comune, di richiesta di realizzazione di una rotatoria. Bisognerà, però, ora capire se sarà accettata oppure no.

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS