Pubblicato il

Flaminia Civita Castellana, finisce a reti inviolate il match con il Gladiator

Flaminia Civita Castellana, finisce a reti inviolate il match con il Gladiator

Tanti, tanti rimpianti. Niente missione compiuta per il Flaminia Civita Castellana impegnata in Campania sul campo del fanalino di coda del raggruppamento G di Serie D, il Gladiator, squadra campana di Santa Maria Caputa Vetere. La missione era ...

Condividi

Tanti, tanti rimpianti. Niente missione compiuta per il Flaminia Civita Castellana impegnata in Campania sul campo del fanalino di coda del raggruppamento G di Serie D, il Gladiator, squadra campana di Santa Maria Caputa Vetere. La missione era chiaramente quella di portare a casa l’intera posta in palio ma così non è stato: in Campania termina a reti inviolate tra tanti rimpianti e musi laziali decisamente lunghi. Sesto pareggio nelle ultime sei gare per un cammino decisamente mesto che si rispecchia nella classifica del Flaminia, chiaramente: dodicesimo posto in concomitanza del Trastevere, ma sempre immischiata nelle sabbie mobili della zona playout, distante solo un punto. L’obiettivo era sfruttare l’occasione per uscire dai mari in tempesta: così non è stato. Ed era fondamentale portare a casa bottino pieni anche perché domenica prossima i laziali fanno visita alla Sarrabus Orgliastra, quarta forza del campionato con palesi ambizioni di continuare a seguire ed inseguire il proprio sogno: playoff e promozione. Quella domenicale era una sfida da vincere e se abbiamo sottolineato quel concetto chiamato rimpianti è proprio per la buona gara disputata e la stessa buona mole di occasioni create, su tutte la traversa di De Cecco. Da segnalare anche altri diversi tentativi a rete come quello di Centelano, buone trame per vie centrali quelle costruite da Mr Abate. Ma non è e non può essere abbastanza, come ben sa l’allenatore Abate. Le assenze, tante, non possono costituire una giustificazione. Cinque elementi totalmente assenti: da Sirbu e Pericolini, passando per Perez finoa a Mattia e Lorusso. Elementi altresì importanti malconci partiti dalla panchina, come Penchini e Fumanti. Assenze pesanti in gare determinanti come questa, ma viste le occasioni l’impressione netta, anche chiamando la classifica, è che si poteva e si doveva far di più. Tra gli altri risultati del girone spicca chiaramente il gran colpo esterno della capolista Cavese in Sardegna: 2-1 a Sassari. Cavese che sale a quota 43 a più sette sulla seconda, Romana, che fa comunque il suo e batte anche lei 2-1 la Boreale. Pronostici tutti quindi rispettati in vetta perché vince anche la terza della classe, il Cassino, che ne fa tre a San Marzano. Flaminia resta dunque al dodicesimo posto in concomitanza del Trastevere, soltanto una lunghezza avanti all’Atletico Uri ed Ardea stessa, ferme a 22 lunghezze.

IL TABELLINO. Gladiator 1924 (4-3-3): Marone; Umile, Ioio, Mansi, Di Lorenzo; Staiano, Visconti, D’Anna; Castro, Liccardi, Onesto. A disposizione: Gemito, Mancini, Messina, Russo, Castaldo, Alfano, Pipolo, Baratto, Navas. Allenatore: Giovanni Masecchia.

Flaminia Civita Castellana (4-3-1-2): Chicarella; Bradarskiy, Massaccesi, Igini, A. Celentano; Benedetti, Tirelli, Marchi; Montecolle; De Cenco, Bertoldi. A disposizione: Vilardi, Tufano, Penchini, Fumanti, Boccaccini, Paun, Celentano, Muti, Ancillai. Allenatore: Giovanni Abate (Federico Nofri squalificato).

Arbitro: Michele Buzzone di Enna. Assistenti: Mauro Ottobretti di Foligno e Zef Preci di Macerata.

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS