Pubblicato il

“Bassano classica” registra il tutto esaurito

“Bassano classica” registra il tutto esaurito

BASSANO IN TEVERINA - Musica e cultura del territorio: due serate immersive che hanno registrato il tutto esaurito. Si conclude con un successo il primo appuntamento di Bassano classica, organizzato dal comune di Bassano in Teverina e finanziato ...

Condividi

BASSANO IN TEVERINA – Musica e cultura del territorio: due serate immersive che hanno registrato il tutto esaurito.

Si conclude con un successo il primo appuntamento di Bassano classica, organizzato dal comune di Bassano in Teverina e finanziato dalla presidenza dal consiglio regionale del Lazio, andato in scena nella chiesa di Santa Maria dei Lumi di Bassano in Teverina.

Protagonista assoluta la musica, classica e contemporanea. Venerdì si sono esibiti Caterina Palazzi & Flavia Massimo, rispettivamente al contrabbasso e al violoncello, proponendo una live performance in duo, piena di effetti e loop, con sonorità ambient, jazz e psichedeliche. Sabato invece in scena il Brass duo, con Francesco Bucci (trombone e bassotuba) e ancora Caterina Palazzi al contrabbasso, con musica che ha spaziato da libere improvvisazioni sperimentali a momenti più ritmici e strutturati dal sound drone/ambient. Anche questo uno schema molto apprezzato dal numeroso pubblico presente. Pubblico che poi ha preso parte anche alla visita guidata alla Torre dell’Orologio e al centro storico, un momento che ha messo insieme cultura, storia e tradizione.

Bassano classica prosegue sabato 27 (alle 21,15) e domenica 28 gennaio (alle 18), ecco Alessio Pedini al piano. Pedini ha iniziato gli studi musicali e pianistici all’età di 6 anni al conservatorio “Francesco Morlacchi” di Perugia, sotto la guida del maestro Carlo Alberto Neri e attualmente frequenta il corso accademico di I livello in Pianoforte sotto la guida del maestro Massimo Spada. Domenica spazio a Davide Dellisanti, pianista, Fulvia Mastrobuono, soprano, e Mauro Utzeri, baritono, con “Mimì e le altre – In viaggio con le donne del melodramma”.

L’ingresso è gratuito.

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS