Pubblicato il

Sulla Settevene un piano anti buche

Sulla Settevene un piano anti buche

CERVETERI – La via Settevene Palo Nuova non tornerà a splendere ma almeno parte delle buche saranno eliminate da un piano di manutenzione straordinaria avviata da Città Metropolitana. Circa 150mila euro per eliminare le maggiori criticità in ...

Condividi

CERVETERI – La via Settevene Palo Nuova non tornerà a splendere ma almeno parte delle buche saranno eliminate da un piano di manutenzione straordinaria avviata da Città Metropolitana. Circa 150mila euro per eliminare le maggiori criticità in una strada massacrata dalle voragini. A rendere nota la notizia è il consigliere metropolitano di Roma Capitale, Alessio Pascucci. «Parliamo di un importo di 150mila euro – specifica l’ex sindaco etrusco – con i quali si inizieranno a mettere in sicurezza alcuni dei punti di maggiore criticità di questa strada che rappresenta uno snodo viario di estrema importanza per i comuni del lago e del litorale a nord di Roma». Chilometri e chilometri di pericoli per arrivare a Bracciano e viceversa, specie nelle ore notturne quando l’illuminazione è scarsa e si rischiano incidenti, come del resto accaduto in passato. «Si tratta ovviamente di un primo intervento – ammette lo stesso Pascucci – lavori che chiaramente non andranno a risolvere totalmente la situazione della viabilità, ma che andranno a mettere in sicurezza alcune parti maggiormente ammalorate. Con l’occasione vorrei ringraziare Manuela Chioccia, consigliera della Città Metropolitana con delega a Viabilità, Mobilità e Infrastrutture e ovviamente il sindaco Roberto Gualtieri per aver accolto le segnalazioni da me effettuate su una arteria stradale così importante». Resta il giallo dei limiti di velocità. Verranno rialzati dopo il restyling oppure resteranno a 50? Erano persino scesi a 30 chilometri orari perché l’ex Provincia non aveva i soldi per rattoppare i crateri.

L’altro grande dilemma si riferisce al degrado che si trova lungo il tragitto per raggiungere Bracciano e le altre località del lago. Ormai da svariati mesi persone incivili arrivano di notte con furgoni e auto abbandonando i rifiuti a terra. Nel tempo si sono formate delle vere e proprio discariche a cielo aperto. Non vi è traccia delle fototrappole promesse o delle telecamere in grado di immortalare chi abbandona materiali ingombranti, scarti di calcinacci, a volte persino lastre di eternit che sono anche nocive. La presenza di immondizia inoltre è un invito a nozze per cinghiali e altri animali che però rischiano di scontrarsi con gli automobilisti di passaggio, specialmnete in prossimità delle curve.

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS