Pubblicato il

«Dimensionamento scolastico si convochi un consiglio aperto»

«Dimensionamento scolastico si convochi un consiglio aperto»

CERVETERI - Un consiglio comunale straordinario per parlare del dimensionamento scolastico della don Milani di Valcanneto. La richiesta al presidente del consiglio è arrivata direttamente dal primo cittadino, Elena Gubetti. «Dopo l'incontro avuto ...

Condividi

CERVETERI – Un consiglio comunale straordinario per parlare del dimensionamento scolastico della don Milani di Valcanneto. La richiesta al presidente del consiglio è arrivata direttamente dal primo cittadino, Elena Gubetti. «Dopo l’incontro avuto con l’assessore regionale alla Scuola, Schiboni, assieme a una delegazione di sindaci e presidenti di municipi di Roma e della consigliera regionale Eleonora Mattia sono ancora più convinta che la scelta fatta dalla Regione Lazio con la delibera del 4 gennaio sul dimensionamento scolastico del Lazio, è stata una scelta scellerata, che non ha seguito nessun percorso di condivisione con i soggetti coinvolti, a partire dalla Conferenza Regionale Permanente per l’Istruzione, gli enti locali, i dirigenti scolastici, i consigli d’istituto, i sindaci. Una scelta unilaterale – ha proseguito ancora Gubetti – che si è basata esclusivamente su un criterio numerico che avrà ricadute enormi di cui non si è voluto tenere conto nel momento in cui si sono fatte le scelte di accorpamento». E il primo cittadino etrusco chiede alla giunta regionale di convocare «con urgenza un tavolo con tutte le Istituzioni interessate per individuare percorsi condivisi e sostenibili per il dimensionamento delle istituzioni scolastiche». «Abbiamo dato all’assessore la nostra totale disponibilità a proseguire il percorso di dimensionamento, a cui restiamo fortemente contrari, ma con grande senso di responsabilità capendo che non ci sono alternative, chiediamo che questo avvenga tenendo in dovuta considerazione le difficoltà concrete, logistiche e organizzative, che avranno ricadute negative sugli studenti, le loro famiglie e su tutta la comunità scolastica. La Regione – ha concluso Gubetti – ascolti i territori e colmi la distanza che si è creata in questa fase delicata dove è in gioco il diritto allo studio».

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS