Pubblicato il

Giornata della Memoria, Baccini: «Non potrà più esserci nel mondo un’altra Auschwitz»

Giornata della Memoria, Baccini: «Non potrà più esserci nel mondo un’altra Auschwitz»

FIUMICINO - All’Uci cinema di Parco Leonardo il sindaco Mario Baccini ed il presidente del consiglio comunale Roberto Severini hanno incontrato 430 ragazzi del Liceo Leonardo da Vinci di Maccarese, in occasione dello spettacolo teatrale ...

Condividi

FIUMICINO – All’Uci cinema di Parco Leonardo il sindaco Mario Baccini ed il presidente del consiglio comunale Roberto Severini hanno incontrato 430 ragazzi del Liceo Leonardo da Vinci di Maccarese, in occasione dello spettacolo teatrale “Auschwitz” a cura di “Produzione Raffaello” ed interpretato da Liliana Randi.

«Il campo di concentramento di Auschwitz rimane una piaga dell’umanità, un pezzo di storia tragica durante il quale l’uomo ha compiuto il massimo del male che poteva fare – ha dichiarato il sindaco Mario Baccini durante il suo intervento agli studenti -. Un ricordo che non dobbiamo cancellare dalla nostra memoria affinché fatti del genere non si ripetano anche in futuro. Nella situazione geopolitica globale e nel riposizionamento della politica estera del nostro Paese e di quella dell’Europa, non si tiene conto del fatto che, dietro a tutte le politiche utili attuate, ci sono persone in carne ed ossa con diritti e doveri che spettano ad ognuno. Assistiamo invece ad odiose iniziative dei governanti che usano la guerra, anziché la diplomazia, per sopraffare l’altro – ha proseguito -. Le nuova generazioni oggi sono “global”, i giovani possono muoversi in tutto il mondo e noi dobbiamo fare il massimo, partendo da questo incontro che la nostra città ha voluto promuovere, per far capire che sta nascendo una nuova classe dirigente, con valori autentici ispirati alla difesa dei diritti e della libertà. Non potrà esserci più nel mondo un’altra Auschwitz, questo è il nostro messaggio, in questo momento, l’unità dei valori, deve essere sempre al primo posto della nostra agenda quotidiana. Ringrazio i docenti e le scuole del nostro territorio per aver contribuito alla realizzazione di questo evento».

«Oggi ricordiamo le Vittime dell’Olocausto e credo che sia giusto ripercorrere anche tutti gli orrori del passato e del presente commessi dall’uomo. Il mio appello alle generazioni future è quello di desiderare di passare alla storia non grazie a gesti atroci e repressivi ma per aver compiuto azioni che volgono al bene; scoperte importanti, conquiste scientifiche, soluzioni che possano migliorare la nostra società e non distruggerla», ha aggiunto il presidente del Consiglio, comunale, Roberto Severini.

Giovanni Anfuso, regista dell’opera, ha aggiunto: “Un’esperienza profonda quella di oggi e ci auguriamo che, oltre alla parola, possa fecondare i nostri cuori ed i nostri comportamenti. Grazie al Comune di Fiumicino per aver aderito a questa iniziativa».

«Sono molti anni che insegno nelle scuole e mai avevo avuto l’occasione di vedere un’aula così piena di ragazzi. Lo spettacolo di oggi è dedicato all’orrore di di Auschwitz. Uno spettacolo che racconta di alcune persone strappate alla loro vita ai loro affetti, privati completamente della libertà e della dignità, portati a morire nei campi di concentramento avendo, come unica colpa, quella di essere ebre”, ha concluso il professor Roberto Tasciotti, incaricato alle politiche scolastiche di Fiumicino.


Condividi

ULTIME NEWS