Pubblicato il

Tolfa, la Sorianese si conferma bestia nera

Tolfa, la Sorianese si conferma bestia nera

Lontani dalle mura amiche dello stadio Felice Scoponi i biancorossi si arrendono 1 a 0 Mister Macaluso: «Abbiamo preso gol nel nostro momento migliore, un vero peccato»

Condividi

La Sorianese si conferma bestia nera del Tolfa: i collinari hanno ceduto 1-0 nella tana della Sorianese al termine di una partita combattuta. Nel primo tempo è stato migliore il Tolfa, tanto è vero che i biancorossi sono andati in alcune occasione vicinissimi al gol, tra cui prima con Moretti di testa, poi il portiere viterbese Alessandroni ha compiuto un miracolo parando il tiro del tolfetano Giovani, il quale era arrivato a tu per tu col portiere. Nel secondo tempo la partita è stata più equilibrata e il Tolfa ha perso un po’ della brillantezza dimostrata nel primo tempo, però i ragazzi di mister Macaluso hanno avuto sempre il controllo del gioco. Al trentaduesimo del secondo tempo sulla sinistra c’è stato uno svambio di palla fra giocatori della Sorianese e sull’assist è arrivato Cologna nell’area davanti al portiere, il quale ha raccolto e messo in rete in diagonale. Il Tolfa da qui in poi, soprattutto negli ultimi quindici minuti, ha stretto la Sorianese nella loro area. I tolfetani hanno reclamato per un evidente calcio di rigore su Rosati non concesso dal direttore di gara Bordiga di Ostia: il giocatore collinare è stato ampiamente strattonato da dietro mentre appoggiava dietro per Nuti (che avrebbe sicuramente fatto gol perché era in ottima posizione) e atterrato in piena area di rigore. L’arbitro, però, non è intervenuto e ha lasciato correre.

«Nel primo tempo la partita è stata giocata bene da tutte e due le squadre, forse però abbiamo creato qualcosina in più, in particolare in un paio di occasioni, in particolare con Giovani – spiega mister Macaluso – nel secondo tempo siamo entrati meglio, purtroppo nel momento in cui pensavamo di aver preso il controllo della partita abbiamo preso gol a un quarto d’ora dalla fine. Dopo non siamo più riusciti a a rimettere la partita sui binari giusti. Peccato, perché sembrava che nel momento migliore potevano raggiungere il gol, invece lo abbiamo subito. Comunque non fa niente e andiamo avanti comunque tranquilli. Ci può stare perdere fuori casa nella tana della Sorianese. Archiviato subito questa sfida e già pensiamo alla gara di domenica prossima».

A commentare a fine partita il risultato é stato anche il bravissimo ed esperto centrocampista del Tolfa classe ’97 Gianluca Nuti, ex Ladispoli arrivato a Tolfa a settembre. Nuti con la sua esperienza, le sue doti e il suo bel carattere sta dando un grandissimo apporto alla squadra. Il centrocampista evidenzia il rammarico per aver perso per un episodio.

«Nella prima mezz’ora la partita è stata intensa senza un padrone in campo, ma noi abbiamo avuto 2/3 occasioni per andare in vantaggio. Dopo la mezz’ora abbiamo preso la partita in pugno con una Sorianese che si è compattata dietro aspettandoci – spiega Nuti – a decidere il risultato, purtroppo è stato un episodio con un’azione personale di Cologna. Comunque sono convinto che sia la strada giusta per toglierci belle soddisfazioni».

Nuti poi sottolinea quanto si è integrato nel team collinare: «In questa squadra sto molto bene e c’è molto affiatamento con i compagni. Trovo molto preparati i nostri tecnici che curano tutti i particolari di ogni sfida e di ogni allenamento. Sto bene anche con la società che non ci fa mancare nulla».

Da rilevare che i due assistenti dell’arbitro Bordiga sono stati due guardalinee di Civitavecchia: Matteo Sannino e Gianluca Bruschi.

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS