Pubblicato il

“Didone senza Enea, la vera storia della regina di Cartagine”

“Didone senza Enea, la vera storia della regina di Cartagine”

NEPI – Sabato 3 febbraio alle 11 al museo Civico di Nepi sarà presentato il volume di Francesca Ceci “Didone senza Enea, la vera storia della regina di Cartagine”. La figura mitica della Regina Didone è nota in particolare dall’arte ...

Condividi

NEPI – Sabato 3 febbraio alle 11 al museo Civico di Nepi sarà presentato il volume di Francesca Ceci “Didone senza Enea, la vera storia della regina di Cartagine”.

La figura mitica della Regina Didone è nota in particolare dall’arte poetica di Virgilio che narra della sua tragica vicenda sentimentale con Enea. La sua personalità di donna eccezionale, animata da un virile agire pieno di coraggio e nello stesso tempo pateticamente femminile nel suo voler morire per l’abbandono di Enea, l’ha resa eterna. Diventata un modello immortale, Didone ha trovato nel corso dei secoli larghissima fortuna in ogni campo dell’arte, dalla pittura alla letteratura, dalla lirica al cinema, sino ai fumetti.

Esiste, però, un’altra versione della storia di questa indomita regina che, partendo da fonti storiografiche di origine punico-cartaginese, fu raccontata nel III secolo a.C. dal greco Timeo di Tauromenio. In questa redazione non viene menzionato il rapporto con Enea ma viene, piuttosto, celebrato il carattere volitivo della regina, unica protagonista della fondazione di Cartagine, il suo coraggio e la sua astuzia. Didone regnerà da sola, sposa devota pronta a morire pur di restare fedele al ricordo del marito defunto.

Questa tradizione sarà ripresa ed esaltata dagli autori cristiani che celebreranno la regina come fulgido esempio di pudicizia vedovile.

Francesca Ceci , laureata e specializzata in numismatica greca e romana all’università di Roma “La Sapienza”, è archeologa ai musei Capitolini. E’ membro dell’Icom, della redazione scientifica della rivista Archeo, della Società italiana di storia delle religioni. È ispettore onorario del ministero e le Attività culturali per parte del territorio dell’Etruria meridionale. Ha al suo attivo alcuni volumi pubblicati con l’Istituto poligrafico e zecca di stato, la curatela di convegni e la stampa di numerosi articoli che spaziano dall’archeologia etrusco-romana al XVIII secolo.

L’evento è organizzato in collaborazione con il Circolo numismatico romano-laziale. A portare i saluti dell’amministrazione comunale, Paolo Paoletti, consigliere delegato alla Cultura, Turismo e Politiche giovanili. Presenterà il direttore del museo Civico, Stefano Francocci. Sarà presente l’autrice; l’ingresso è libero.

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS