Pubblicato il

“Istigatori di bellezza”, premiata Eugenia Serafini

“Istigatori di bellezza”, premiata Eugenia Serafini

L’artista ha esposto due dei suoi pregiati “Ventagli” che avevano riscosso già grande successo alla Mostra Personale “Sguardo a Oriente”

Condividi

TOLFA – L’artista tolfetana Eugenia Serafini premiata alla prima edizione del Premio “Istigatori di bellezza”. Si è svolta ieri a Roma presso il Teatro di Documenti la rappresentazione “Apolide”, una nuova opera di drammaturgia umanitaria scritta da Antonella Pagano, poetessa e sociologa di grande sensibilità e professionalità. Pagano ha aperto nella stessa serata il primo “Cantiere della Bellezza” in Roma: l’artista propone una parte della serata dedicata agli “Istigatori di Bellezza” con la partecipazione di importanti artisti, accademici, intellettuali e managers da lei stessa chiamati per il loro impegno nella promozione della bellezza in diversi contesti e attraverso diversi ruoli. Nell’ambito di questo importante evento l’artista internazionale Eugenia Serafini è tra i protagonisti della serata ad essere premiata per la 1° edizione del Premio “Istigatori di bellezza” 2024.
«A lei portatrice di bellezza attraverso la sua arte totale tra pittura, scultura, installazione ambientale, performance, poesia, ma anche grafica e scrittura, viene assegnato questo Premio, per “L’Arte della pittura e il suo messaggio salvifico“ – spiega la giornalista Silvana Lazzarino – Alla manifestazione Eugenia Serafini espone due dei suoi pregiati “Ventagli”, che hanno riscosso già grande successo alla Mostra Personale “Sguardo a Oriente”, inaugurata al Circolo del Ministero degli Affari Esteri, Farnesina (2020) e curata dal critico Carlo Franza».
Eugenia Serafini è un’artista multimediale di fama internazionale, ma è anche una poetessa di successo con numerose mostre in Italia e all’estero e ha ricevuto importanti riconoscimenti e premi di prestigio durante la sua luminosa carriera. Oltre ad essere una pittrice di grande spessore comunicativo è installazionista, performer, giornalista, nonché direttore responsabile della rivista semestrale dell’Artecom-Onlus (Accademia in Europa di Studi Superiori) il “FOLIVM”. Attraverso la sua arte conduce dentro lo scenario visivo ed emozionale in cui riferimenti a diversi aspetti della realtà umana e sociale, ambientale e legata all’onirico, acquistano nuovo spessore per rievocare quell’originario legame tra l’uomo e la natura cui tornare ad aspirare. Con grande sensibilità poetica e creatività, racconta dell’uomo e del suo esistere tra passato e presente, dove si rincorrono desideri e speranze, malinconie e attese guardando ad un futuro in cui recuperare quell’armonia tra finito e infinito da sempre appartenente all’universo. L’arte di Eugenia Serafini ha dato libera voce a quel codice invisibile legato alle emozioni, ma presente nell’ascolto e incontro con i luoghi più vicini e distanti della realtà naturale dalla terra al cielo tra spazi verdi e alberi, unitamente al cosmo, con riferimento all’uomo destinato probabilmente a ritrovare quel rapporto originario e autentico con la natura.

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS