Pubblicato il

Tarquinia, premiati i vincitori del concorso fotografico “Presepe in famiglia”

Tarquinia, premiati i vincitori del concorso fotografico “Presepe in famiglia”

La presidente di “Viva Tarquinia” Maria Antonietta Valerioti: «È un’iniziativa che vuole coniugare arte, cultura e i valori più autentici del Natale»

Condividi

TARQUINIA – «“Presepe in famiglia” è un’iniziativa che vuole coniugare arte, cultura e i valori più autentici del Natale». Lo ha affermato Maria Antonietta Valerioti, presidente dell’associazione culturale Viva Tarquinia, promotrice, con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Tarquinia e della Diocesi di Civitavecchia – Tarquinia, del concorso presepistico, la cui premiazione si è tenuta il 4 febbraio nel salone delle feste di palazzo Bruschi Falgari.

«La risposta è stata entusiasta, con una partecipazione che ha superato ogni aspettativa – ha aggiunto Maria Antonietta Valerioti -, dimostrando così l’importanza di questa manifestazione nel rinforzare il tessuto sociale e culturale della comunità tarquiniese. Abbiamo avuto 55 iscritti, di cui molti non residenti nella nostra cittadina”.

I premi sono stati assegnati a Lucia Conti e Anselmo Ranucci, per la qualità artistica; Francesco Fanucci, per l’originalità; Luana Ferri, per l’allestimento scenografico. Tra i più giovani i riconoscimenti sono andati a Federico e Valerio Andreini, per l’originalità, e ad Alessandro Bussoletti, per l’impegno. Nella categoria dedicata alle persone non residenti a Tarquinia, si sono distinti Francesco Morelli, di Amantea, per l’allestimento scenografico; Daniele Maccarone, di Zagarolo, per la creatività; e Daniele Turchetti, per l’originalità. Alla cerimonia, condotta dal giornalista Stefano Tienforti, erano presenti don Augusto Baldini, in rappresentanza della Diocesi di Civitavecchia-Tarquinia; Tiziano Torresi, direttore dell’ufficio per la pastorale della cultura della Diocesi di Civitavecchia – Tarquinia; la presidente del consiglio comunale Federica Guiducci. «I presepi sono sempre belli, soprattutto se sono incentrati sul mistero della Natività – ha detto don Augusto Baldini –. Inoltre, ogni presepe porta in sé la fantasia, l’arte, l’amore e la famiglia e rimanda alle radici della nostra trazione cristiana».

“Negli 800 anni del presepe di San Francesco, accanto al concorso “Presepe in famiglia” si è riusciti a riproporre l’itinerario presepistico – ha sottolineato Tiziano Torresi -. Una tradizione che si era interrotta con il covid e che, con l’associazione culturale Viva Tarquinia, è stata ripresa. Mi preme ricordare le figure di Simone Franchetti e Antonio Menegaldo, che per anni ne sono stati i sapienti registi”.

La presidente del consiglio comunale Guiducci ha posto l’accento sulla vicinanza dell’Amministrazione al concorso: “Ringrazio Francesca Calamita, Cesare Bendotti Fabrizio Fabbrizi, Antonio Natali, Giancarlo Orrù, Michela Merini, Emanuela Razzi e Sandro Jacopucci, volontari dell’associazione culturale Viva Tarquinia che si mettono sempre a disposizione per realizzare eventi e manifestazioni».

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS