Pubblicato il

Fossili e emissioni in calo

Fossili e emissioni in calo

Un crollo nella produzione di energia elettrica da carbone e gas nel 2023 nell'Unione Europea ha portato a un calo record delle emissioni del settore elettrico. E' quanto rileva l'European Electricity Review pubblicata dal think tank Ember che ...

Condividi

Un crollo nella produzione di energia elettrica da carbone e gas nel 2023 nell’Unione Europea ha portato a un calo record delle emissioni del settore elettrico. E’ quanto rileva l’European Electricity Review pubblicata dal think tank Ember che registra un calo record della produzione di carbone (-26%) e di gas (-15%). Questo ha portato anche al più grande declino mai registrato nelle emissioni del settore elettrico dell’Ue (-19%), grazie alla crescita dell’energia eolica e solare e alla diminuzione della domanda di elettricità. Le fonti rinnovabili hanno continuato a crescere e la produzione di energia eolica (18%) ha superato il gas (17%) per la prima volta nel 2023.

“Il settore elettrico dell’Ue è nel mezzo di un cambiamento monumentale – rimarca Sarah Brown, direttore del programma Europa di Ember – I combustibili fossili stanno giocando un ruolo più piccolo che mai, mentre si sta delineando un sistema con l’eolico e il solare come colonna portante”.

Nel dettaglio, secondo l’analisi di Ember, la produzione da fonti fossili è crollata del 19% nel 2023, rappresentando per la prima volta meno di un terzo dell’energia elettrica dell’Ue. Il carbone è sceso del 26%, raggiungendo il suo livello più basso di sempre, 333 TWh, pari al 12% della produzione di elettricità dell’Ue. Il declino del carbone non si è tradotto in un aumento del gas, che invece è sceso del 15%, la maggiore riduzione annuale almeno dal 1990 e il quarto anno consecutivo di declino della produzione di gas.

Per contro, l’eolico e l’energia solare, insieme, hanno registrato i più alti aumenti annuali sia nella generazione che nella capacità installata, con 90 TWh e 73 GW. Insieme hanno prodotto il 27% dell’elettricità dell’Ue nel 2023, superando per la prima volta un quarto. L’eolico ha generato il 18% dell’energia elettrica dell’Ue, ovvero 475 TWh, pari alla domanda totale di generazione della Francia. Il solare ha continuato la sua forte crescita generando il 9% dell’elettricità dell’Ue (246 TWh). Nel complesso, le fonti rinnovabili hanno raggiunto una quota record del 44% dell’energia elettrica dell’Ue nel 2023, grazie alla ripresa dell’energia idroelettrica dai minimi del 2022.

Oltre alla crescita dell’energia pulita, anche il calo della domanda di energia elettrica ha contribuito alla diminuzione della produzione da combustibili fossili. Nel 2023 la domanda è diminuita del 3,4% (-94 TWh) rispetto al 2022. Si tratta di un calo del 6,4% (-186 TWh) rispetto ai livelli del 2021, quando è iniziata la crisi energetica, attribuito per poco più di un terzo (38%) alla riduzione del consumo di elettricità industriale.

Si prevede che questo tasso di riduzione della domanda non si ripeterà nei prossimi anni con l’aumento dell’elettrificazione. “Con il decollo dell’elettrificazione attraverso un maggior numero di pompe di calore, veicoli elettrici ed elettrolizzatori, l’Ue entrerà in una nuova era di aumento della domanda di elettricità – ha dichiarato Dave Jones, global insights director di Ember – Le rinnovabili dovranno tenere il passo con l’aumento della domanda per garantire i tagli alle emissioni necessari per un clima sicuro”.

Ma per raggiungere gli obiettivi dell’Ue è necessario accelerare la crescita dell’energia eolica e solare. Il piano REPowerEU – ricostruiscono gli esperti – prevede che entro il 2030 l’energia eolica e solare raggiunga il 55%, quasi raddoppiando rispetto al 27% del 2023.


Condividi

ULTIME NEWS